Supplementi dietetici e a base di erbe. Ecco tutti i danni che possono provocare al fegato

Nei paesi occidentali è sempre più frequente il ricorso a supplementi dietetici e di erboristeria (HDS); parallela a questo aumentato consumo negli USA è la crescita delle segnalazioni di danno epatico indotto da HDS, al punto che attualmente un caso di epatotossicità su 5 negli USA è attribuibile agli HDS. La rivista Hepatology pubblica in questi giorni lo stato dell’arte del danno epatico da supplmenti. Tra gli agenti più di frequente implicati vengono annoverati gli anabolizzanti, gli estratti di tè verde e i supplementi nutritivi multi-ingrediente (MINS). Gli steroidi anabolizzanti, vecchia conoscenza dei body builders, tipicamente inducono una colestasi prolungata e un danno ...

Leggi tutto

Tumori testa e collo, 9 malati su 10 con diagnosi precoce guarirebbero

Ulcerazioni in bocca, difficoltà nella deglutizione, mal di gola o mal d’orecchio, raucedine persistente, gonfiore a livello del collo. Se uno o più d’uno di questi sintomi perdurano per più di 15-20 giorni è bene parlarne con un medico. Senza allarmarsi troppo, perché si tratta spesso di semplici patologie infiammatorie, ma potrebbero anche essere spie iniziale della presenza di un tumore della testa e del collo che purtroppo ancora oggi in quattro casi su dieci viene diagnosticato in fase avanzata, quando è più difficile da curare. Mentre, se preso per tempo quasi nove malati su dieci potrebbero guarire. Aumentare la ...

Leggi tutto

Linfomi, la vita a ostacoli dei 150mila italiani che vivono con questi tumori

Negli ultimi 20 anni grazie ai progressi nelle terapie sono stati fatti enormi passi avanti nella cura dei linfomi, tumori del sangue che, solo in Italia, colpiscono 15.400 persone ogni anno e con cui oggi convivono oltre 150.000 connazionali. Sono aumentate notevolmente le possibilità di guarigione, diminuiti drasticamente gli effetti collaterali dei trattamenti e oggi circa 6 pazienti su 10 superano o convivono a lungo con la malattia. Restano però diversi problemi da affrontare perché il tempo di vita guadagnato con cure efficaci sia anche di buona qualità. Purtroppo invece, secondo un’indagine presentata nei giorni scorsi, a causa del linfoma un paziente italiano su ...

Leggi tutto

Il cosiddetto “metodo Hamer” è una cura per il cancro?

In sintesi • Il cosiddetto "metodo Hamer", anche noto come "nuova medicina germanica" o nella variante della "biologia totale", si basa su un insieme di teorie che non sono mai state sottoposte a una sperimentazione seria della validità per la cura dei tumori né di altre malattie. • Il presupposto, indimostrato, è che il tumore sia il frutto di un conflitto psichico. • Oltre a essere infondati, i principi del metodo negano tutto quello che è stato scientificamente dimostrato sul funzionamento dell'organismo sano e di quello malato. • Idee razziste e antisemite sono presenti nella cosiddetta teoria del metodo Hamer. • Il metodo Hamer rinnega l'uso dei ...

Leggi tutto

Tumore al seno, cure più efficaci con «peso forma» e sport

Fare movimento e non avere chili di troppo si confermano due regole d’oro nella lotta ai tumori. Non solo per tenere alla larga il rischio di ammalarsi, ma anche per avere maggiori possibilità di guarire. A questo risultato sono giunti diversi studi internazionali e ora una nuova ricerca, pubblicata sulla rivista internazionale Cancer Biology & Therapy e condotta dalla Fondazione Pascale di Napoli in collaborazione con la Temple University di Philadelphia (Stati Uniti), conferma che la risposta alla chemioterapia nel trattamento del tumore del seno è anche una questione di peso. L’analisi, condotta all’incirca un centinaio di donne giovani, ...

Leggi tutto

Malati di tumore, le vacanze non sono «proibite»

Tre milioni di italiani hanno superato una diagnosi di tumore: alcuni sono guariti e conducono una vita del tutto «normale», altri hanno cronicizzato la malattia e ci convivono da anni, altri ancora stanno affrontando le terapie. In moltissimi casi programmare un periodo di vacanza è possibile, purché la persona interessata sia in condizioni fisiche che consentano di muoversi e gli eventuali trattamenti anticancro in atto lo permettano. «Prendersi un breve periodo di ferie può rivelarsi utile sia per recuperare forze fisiche che per il benessere mentale – sottolinea Maurizio Tomirotti, presidente del Collegio Italiano dei Primari Oncologi Medici (Cipomo) e direttore dell’...

Leggi tutto

Cure palliative precoci, meno depressione per familiari e malati

Introdurre le cure palliative accanto ai trattamenti anticancro «tradizionali» fin dall’inizio dell’iter terapeutico, subito dopo la diagnosi, migliora la qualità di vita e diminuisce la depressione dei familiari che accudiscono un malato di tumore. A questa conclusione è giunto uno studio che ha analizzato i dati relativi a quasi 300 famiglie di pazienti inguaribili ed è stato presentato durante l’ultimo convegno della Società Americana di Oncologia Clinica (Asco), tenutosi nelle scorse settimane a Chicago.«Le cure palliative “precoci” si stanno ormai dimostrando, in modo sempre più convincente, capaci di controllare anche i sintomi più complessi di questi malati - commenta ...

Leggi tutto

Il ruolo dei media nella lotta ai tumori

La sete di informazioni in ambito medico-scientifico da parte dei cittadini è molto alta, soprattutto quando si trattano temi delicati come i tumori. Ed è elevato anche il rischio di distorsioni e di incorrere in fonti non certificate, in particolare se il mezzo utilizzato è Internet: è “vero” e fa “notizia” solo quello che si conosce e si diffonde. Più del 70% degli italiani ritiene di essere informato sulla salute, ma cresce la quota di coloro che temono la confusione causata dalle troppe notizie (il 54,5% nel 2014 contro il 41% del 2012, CENSIS). È compito di una moderna società scientifica saper “governare” il flusso costante di informazioni. Il corso ...

Leggi tutto

Tumori, nuove regole per l’esenzione alla reperibilità dei malati

Si semplifica la vita dei lavoratori che si ammalano di tumore. Una circolare dell’Inps chiarisce e agevola l'esenzione dalle fasce di reperibilità in malattia per i malati oncologici o di altre patologie gravi e invalidanti. Un'importante punto di svolta per oltre 700mila connazionali che, secondo le stime disponibili, hanno dovuto affrontare una diagnosi di cancro in età produttiva.Diverse ricerche hanno dimostrato che il reinserimento lavorativo è, oltre che un diritto, un sostegno economico e psicologico rilevante, ma ad oggi sono ancora troppo poco sfruttate le tutele riconosciute dalla legge per chi torna al proprio impiego. «Accogliamo con favore la ...

Leggi tutto

Integratori, presunte proprietà antitumorali del prunus+Can. Iss: nessuna prova scientifica

L'Istituto superiore di sanità prende le distanze dall'ipotesi di efficacia di un integratore alimentare a base di estratto di prunus+Can (Trigno M), chiarendo di «non averlo mai in alcun modo sponsorizzato» e diffidando «quanti per promozione abbiano indicato "mirata azione antineoplastica"». Il prodotto, si apprende dal quotidiano Rifday, era stato lanciato e promosso in diverse occasioni pubbliche e il percorso di legittimazione è stato ricostruito da un sito internet che si occupa di divulgazione scientifica, in particolare anche di "bufale". Nonostante la cautela di alcuni ricercatori, e anche dello stesso Walter Riccciardi dell'Iss, in merito a metanalisi e studi in ...

Leggi tutto

Uno studio dimostra l'efficacia di OPERA nelle polineuropatie

COMUNICAZIONE ORALE: Efficacy and tolerability of “Opera” in reducing polyneuropathy symptoms Zarcone D. (1), Corbetta S. (1), Raimondi E. (1), Galante R. (2), Cristina S. (3), Pucci E. (3) (1) U.O. Neurologia, Ospedale “S. Antonio Abate” Gallarate, ASST Valle Olona (2) GamFarma Srl, Milano (3) Department of Brain and Behavioral Sciences, Università di Pavia. IRCCS “C. Mondino” Pavia Background Polyneuropathy is a very disabling disease, but there are few effective treatments, often associated with side effects. Alpha-lipoic acid has proven useful in reducing pain. The aim of this study is to demonstrate benefits, safety and tolerability of Opera, a nutritional supplement with alpha-lipoic acid, Boswellia serrata, methylsulfonylmethane and ...

Leggi tutto

Tumore al seno: meno metastasi e recidive grazie a stili di vita sani

Nelle pazienti operate di tumore della mammella, il miglioramento di alimentazione e stili di vita comporta una diminuzione del rischio di recidive e di sviluppare metastasi. Lo rivelano i dati del Progetto “Diana 5”, studio coordinato dai ricercatori dell’Istituto Nazionale dei Tumori (INT), Campus Cascina Rosa, presentati a Milano. Le pazienti coinvolte nello studio, partito nel 2008 e giunto quasi alla conclusione, hanno adottato un’alimentazione basata sul consumo di cereali integrali, legumi, verdure di stagione, frutta fresca e semi oleosi, e povera di cereali raffinati, zuccheri e carni rosse e conservate. Allo stesso tempo, hanno modificato lo stile di vita, ...

Leggi tutto

Anziani, aumentano le interazioni fra farmaci e i rischi da integratori

La pillola per il cuore e quella per il diabete, il medicinale per respirare meglio e le vitamine per tirarsi un po' su, magari “condite” con le erbe che dovrebbero migliorare l'umore. È solo un esempio dei miscugli di farmaci e supplementi che scandiscono le giornate degli anziani, sempre più spesso esposti al rischio di interazioni pericolose perché prendono troppe medicine a cui aggiungono pure integratori che possono “cozzare” gli uni con gli altri aumentando la probabilità di eventi avversi. È la denuncia di uno studio statunitense pubblicato su JAMA Internal Medicine, secondo cui in appena cinque anni il numero di over 65 ...

Leggi tutto

Muoversi nel tempo libero fa calare il rischio di 13 tipi di cancro

Quanta più attività fisica si fa nel tempo libero tanto minore è il rischio di ammalarsi di ben 13 tipi diversi di cancro. Per chi ancora non fosse convinto del fatto che il movimento vada considerato al pari di una «potente medicina» uno studio appena pubblicato sulla rivista JAMA Internal Medicine porta nuove conferme sui benefici concreti del mantenersi fisicamente attivi La pigrizia uccide: immobili la metà degli americani e 4 italiani su 10 «La sedentarietà negli Stati Uniti è un grave problema di salute pubblica – scrive il primo autore dello studio Steven C. ...

Leggi tutto

CANCRO DELLA PELLE. DERMATOLOGI AMERICANI LANCIANO ALLARME SU UNA POMATA 'FAI DA TE'

Quando si sospetta un cancro della pelle o, peggio, quando il tumore è stato diagnosticato, il buon senso impone di rivolgersi al dermatologo e al chirurgo. Invece, a quanto pare, molte persone preferiscono il “fai da te', utilizzando tra gli innumerevoli e ingannevoli prodotti in commercio. Tra queste, una pomata chiamata black salve (unguento nero), che è pure inserita dalla Food and Drug Administration statunitense in una lista di sostanze da evitare. Ad affermarlo è un gruppo di ricercatori della Utah University a Salt Lake City, che hanno parlato con 340 adulti in cura presso ...

Leggi tutto

Anche le scelte che facciamo a tavola possono aiutare la cura del tumore

Mangiare bene può aiutare a ridurre la tossicità di radio e chemioterapia, mettere il malato di tumore nella condizione migliore per affrontare le terapie, rinforzare le difese dell’organismo, e contribuire a prevenire le complicanze post-operatorie, diminuendo sia la frequenza sia la durata complessiva dei ricoveri. «Non perdere peso è di cruciale importanza per poter proseguire le cure anticancro, anche perché mantenere la massa muscolare riduce gli effetti collaterali delle terapie - spiega Maurizio Muscaritoli, direttore della Nutrizione Clinica al Policlinico Umberto I di Roma -. Inoltre è utile ...

Leggi tutto

Le donne e il cancro.

Ginecologi, oncologi, ematologi, psicologi ed esperti di Pma si incontreranno il 14 maggio a Roma per confrontarsi sulle nuove opportunità terapeutiche contro i tumori. Ma il presidente dell’Associazione italiana protezione fertilità (Aipf), in questa intervista, lancia anche un appello alle donne: 'Non abbiate paura: il cancro si può sconfiggere, ma vi chiediamo di fare di più in termini di prevenzione e corretti stili di vita' Nel 2015 si stima che siano stati diagnosticati in Italia 363.000 casi di tumore maligno (esclusi quelli della cute), di cui oltre 194.000 (54%) fra gli uomini ...

Leggi tutto

Tre porzioni di frutta al giorno fanno calare il rischio di tumore al seno

È scientificamente provato: mangiare bene (con una dieta povera di grassi animali e ricca di vegetali) previene molti tipi di tumore. Anche fumo, sovrappeso, obesità e scarsa attività fisica sono fortemente implicati nella possibile comparsa di neoplasie, ma il rapporto con l’alimentazione è stato oggetto di numerosi studi negli ultimi anni, che si sono concentrati in particolare su due tipi di cancro: al seno e al colon. Tre porzioni di frutta al giorno Un nuovo studio della Harvard School of Public Health di Boston, pubblicato sul prestigioso British Medical Journal, fa luce su un particolare ...

Leggi tutto

Nasce Hu-Care 2 contro ansia e depressione nei malati di tumore

Il progetto ha come obiettivo quello di affrontare i bisogni psicosociali dei pazienti migliorando la comunicazione con il personale sanitario, individuando un infermiere di riferimento e fornendo un supporto psicologico. Ansia e depressione andrebbero misurate subito nei malati di tumori, così come si fa per la pressione, la temperatura corporea o il battito cardiaco. Questi disturbi, infatti, interessano in maniera grave almeno il 35 per cento dei pazienti oncologici, ma oggi solo un terzo dei casi è diagnosticato e curato. Umanizzazione in oncologia Ecco perché è nata Aiom-HuCare o HuCare 2, la prima scuola di Umanizzazione in oncologia in Europa: avrà sede a Milano ...

Leggi tutto

TRECENTO MINUTI DI ATTIVITÀ FISICA E CALA IL RISCHIO DI CANCRO AL SENO

Fare attività fisica regolarmente aiuta a tenere lontano il cancro, come hanno ormai dimostrato moltissimi studi scientifici condotti su migliaia di persone in tutto il mondo. È ormai certo anche che contribuisca, in chi di tumore si è già ammalato, a limitare le possibilità di una ricaduta e a contrastare meglio gli effetti collaterali delle terapie. Una nuova ricerca americana indica che l’esercizio fisico costante può inoltre aiutare a prevenire il tumore al seno nelle donne con un elevato rischio di sviluppare questa neoplasia, ritardando il più possibile la necessità di ...

Leggi tutto

TUMORE AL SENO. LE STORIE DELLE CELEBRITÀ CONDIZIONANO (IN PEGGIO) LE SCELTE DELLE DONNE

 Dopo che una persona popolare si sottopone a mastectomia bilaterale, “questa scelta terapeutica non solo viene menzionata di più nella storia, ma in molti casi diventa l’argomento principale del pezzo”, sostiene Michael Sabel della University of Michigan Health Sistem di Ann Arbor, autore principale dello studio. Sempre più donne colpite da tumore alla mammella stanno scegliendo di rimuovere entrambi i seni contemporaneamente, ma non ci sono evidenze che dimostrino che la pratica migliori la sopravvivenza in donne senza rischio genetico ...

Leggi tutto

Tumore al seno e rischio osteoporosi

Prevenire i possibili danni ossei causati dalle terapie anticancro nelle donne con un tumore al seno si può e si deve, ma in Italia si fa ancora poco in questo senso. Nel nostro Paese, infatti, ogni anno 250mila pazienti curate per un carcinoma mammario iniziano la terapia ormonale adiuvante (per prevenire le ricadute) con inibitori dell’aromatasi e sebbene 9 su 10 siano a conoscenza del legame tra questa cura e l’osteoporosi, solo il 43 per cento di loro non viene sottoposto ai trattamenti per prevenire danni ossei. Cura «salva-ossa» rimborsata gratis dall’inizio della terapia ormonale È quanto emerge da un’indagine ...

Leggi tutto

Più semplice oggi preservare la fertilità dopo un tumore

Oncofertilità. È un termine coniato da pochi anni per dare un nome a un bisogno spesso sottovalutato, e insoddisfatto, di chi si ammala di cancro. Grazie ai progressi nelle terapie, oggi le guarigioni sono in aumento, e garantire agli ex malati una buona qualità di vita è una priorità. Ciò comporta anche, soprattutto se il paziente è giovane, fare tutto il possibile per preservare la sua fertilità e consentirgli, in futuro, di diventare genitore, se lo desidera. I centri di Oncofertilità Secondo le statistiche più recenti ogni anno, in Italia, vengono diagnosticati circa ottomila nuovi casi di tumore in persone con meno di 40 ...

Leggi tutto

LAVORO ANCORA TABÙ DOPO IL TUMORE PIÙ DIFFICILE TROVARE UN IMPIEGO

Chi cerca lavoro e dichiara di aver avuto un tumore è svantaggiato rispetto a chi non lo svela, perché ha meno probabilità di essere assunto. È la conclusione a cui è giunta un’indagine condotta negli Stati Uniti su 200 individui, da poco pubblicata sulla rivista scientifica dell’Associazione Americana di Psicologia Journal of Applied Psychology . Gli studiosi si sono concentrati sulla ricerca di addetti alla vendita al dettaglio in negozi di tre grandi centri commerciali e hanno fatto un confronto fra due tipi di candidati: quelli che avevano dichiarato (nel loro curriculum e ...

Leggi tutto

SENO. LA “SCELTA” DI ANGELINA JOLIE NON ALLUNGA LA VITA

Togliere entrambi i seni, a scopo di profilassi, alle donne che soffrono di tumore alla mammella non sarebbe sostenuto da una forte evidenza scientifica. Nonostante siano notevolmente aumentati i casi di questo tipo, forse anche per l’effetto “Angelina Jolie”, questa pratica clinica non servirebbe ad allungare la vita delle pazienti. Lo dimostra uno studio americano pubblicato sulla rivista Annals of Surgery. La quota di donne ...

Leggi tutto

Come non ammalarsi di tumore. Gli stili di vita da adottare (anche per i malati)

Oltre un terzo delle neoplasie non si svilupperebbero a fronte di stili di vita corretti. Tutte queste semplici regole, insieme alla pratica costante dei controlli di diagnosi precoce, permettono non solo di ridurre l’incidenza dei tumori, ma anche di trattare più efficacemente le persone già in cura Molto dipende da noi Arrivare “prima” di fronte a un tumore è fondamentale per aumentare la sopravvivenza. Secondo le più recenti statistiche, nell’ultimo anno in Italia sono stati diagnosticati circa 1.000 nuovi casi di cancro al giorno. Oltre un terzo non si svilupperebbero se ci impegnassimo ad adottare quotidianamente uno stile di vita ...

Leggi tutto

Tumori neuroendocrini rari Come (e in quali centri) si curano

Mio padre ha 70 anni e fino alla scorsa estate stava benissimo. Poi ha manifestato i primi fastidi: a volte aveva crampi alla pancia e scariche di dissenteria e diventava improvvisamente rosso paonazzo. Dopo oltre tre mesi di esami e visite per capire che cosa avesse, gli è stato diagnosticato un tumore neuroendocrino all’intestino e gli è stato detto che era inoperabile a causa della presenza di metastasi al fegato. Abbiamo scoperto su internet che è una malattia molto rara e siamo preoccupati poiché non ci è stato dato un riferimento specifico. Siamo disorientati, trovare informazioni è difficile, che cosa dobbiamo fare? Risponde Nicola Fazio, ...

Leggi tutto

Sole fuori stagione, due milioni di italiani si scottano e sono a rischio

Circa un italiano su quattro si concede una vacanza invernale al mare o in montagna, ma ben due milioni di connazionali (il 20 per cento di chi parte) finiscono per scottarsi, rovinandosi riposo e divertimento. Nonostante i molti consigli degli esperti, infatti, quasi la metà degli 800 intervistati da una recente indagine ritiene che sia più pericoloso il sole preso in spiaggia d’estate, trascurando i rischi delle ustioni nei mesi freddi, sulle piste da sci o in lidi lontani. Le bruciature, troppo spesso sottovalutate, possono diventare invece un serio problema perché alla lunga finiscono per favorire la formazione di un tumore ...

Leggi tutto

Uno studio non conferma l'efficacia di pregabalin nel dolore cancro correlato

Randomized Double-Blind Trial of Pregabalin Versus Placebo in Conjunction With Palliative Radiotherapy for Cancer-Induced Bone Pain. Fallon M1, Hoskin PJ2, Colvin LA2, Fleetwood-Walker SM2, Adamson D2, Byrne A2, Murray GD2, Laird BJ2. Abstract PURPOSE: Cancer-induced bone pain (CIBP) affects one third of patients with cancer. Radiotherapy remains the gold-standard treatment; however, laboratory and clinical work suggest that pregabalin may be useful in treating CIBP. The aim of this study was to examine pregabalin in patients with CIBP receiving radiotherapy. PATIENTS AND METHODS: A multicenter, double-blind randomized trial of pregabalin versus placebo was conducted. Eligible patients were age ¡Ý 18 years, had radiologically ...

Leggi tutto

I danni della chemio sono duri a morire

Perdita di sensibilità agli arti, formicolio, dolore. Quando colpisce gli arti inferiori, perdita di stabilità quando si cammina con un aumento del rischio di cadute. Sono tutti sintomi di una neuropatia periferica, vale a dire una patologia causata dal danneggiamento dei nervi. La causa più frequente è il diabete, ma possono causarla anche infezioni, infiammazioni, tossine di vario tipo (compreso l’alcol), tumori. Ma anche la chemioterapia. Proprio su quest’ultima forma si è concentrato uno studio condotto da ricercatori dell’Oregon Health and Science University giungendo a conclusione che è un effetto tutt’altro che transitorio. Nella ricerca, condotta su quasi 500 donne, è ...

Leggi tutto