Terapia ormonale in menopausa: ecco di quanto aumenta il rischio di tumore della mammella

 Uno studio inglese pubblicato su Lancet, che ha valutato tutte le pubblicazioni sull’argomento fino al 2018, per un totale di oltre 108 mila donne in post-menopausa, conferma che il rischio di tumore della mammella è più elevato tra le donne in trattamento con associazioni con estro-progestrinici, rispetto a quelle in terapia con soli estrogeni e che aumenta in funzione della durata del trattamento ormonale. L’eccesso di rischio persiste anche oltre 10 anni dalla sospensione della terapia ormonale. Una metanalisi pubblicata nel 1997 riguardante ...

Leggi tutto

L’estetica oncologica migliora la qualità di vita delle persone in terapia

 Estetica e tumore sono due concetti che d’istinto si tengono separati. Sembra quasi poco rispettoso anche solo immaginare che una donna, o ancor di più un uomo, a cui è stato diagnosticato il cancro abbia ancora il desiderio e il tempo di sentirsi bella. Ma è un errore, soprattutto perché troppo spesso sottovalutiamo quanto contino l’aspetto psicologico e le relazioni in un percorso di guarigione. A dimostrarlo sono gli esiti di uno 

Leggi tutto

Insonnia frequente tra i pazienti oncologici

Un piccolo studio condotto in Germania ha rilevato che circa la metà dei pazienti oncologici presenta sintomi di insonnia e molti possono avere problemi di sonno che durano almeno un anno. Nei Paesi sviluppati, a soffrire di insonnia cronica è il 10% degli adulti e i pazienti oncologici sono particolarmente predisposti. Anche se i disturbi del sonno sono stati associati a esiti infausti per i soggetti con un tumore, le ricerche finora non hanno delineato un quadro chiaro delle circostanze per cui ...

Leggi tutto

Tumore al seno, in alcuni casi si può evitare la chemioterapia: ecco quali

 L’obiettivo è uno: evitare il più possibile la chemioterapia alle donne con tumore al seno. E due studi presentati all’Asco (American Society of Clinical Oncology), il più grande congresso mondiale sul cancro in corso a Chicago, tracciano la strada. Il primo è uno studio americano, chiamato TAILORx e finanziato con fondi federali, e dimostra che, alcune donne con un tumore in fase ...

Leggi tutto

Oncologia. Per il dolore neuropatico ketamina orale equivale al placebo

 Nel trattamento del dolore neuropatico correlato al cancro, la ketamina per via orale sarebbe equivalente al placebo, ovvero avrebbe poco effetto. A evidenziarlo sarebbe stata una ricerca coordinata da Barry Laird, dell'Università di Edimburgo, e pubblicata su Jama Oncology. La somministrazione per via orale, tuttavia, potrebbe essere preferibile ...

Leggi tutto

Use of an alpha lipoic, methylsulfonylmethane and bromelain dietary supplement (Opera®) for chemotherapy-induced peripheral neuropathy management, a prospective study

Use of an alpha lipoic, methylsulfonylmethane and bromelain dietary supplement (Opera®

Leggi tutto

Tumore al seno e recidive: perché le cellule cancerose si risvegliano dopo anni

 Perché si parla di «rude awakening» ovvero duro risveglio? Le cellule cancerose restano dormienti in una minoranza di donne con tumore al seno, che hanno scoperto la malattia alle sue fasi iniziali e sono state curate con successo (prima con chirurgia e poi con terapia ormonale) per cinque anni. «Lo abbiamo definito duro risveglio perché quando si verifica, magari dopo 10 o 20 anni di “sonno”, la ripresa attività delle cellule cancerose è spesso “rude”, letale rapidamente. Finora non se ne ...

Leggi tutto

KUZIK si è dimostrato efficace nella prevenzione dell'emicrania senza Aura

 Efficacy of KUZIK® in the prophylaxis of migraine without aura: a retrospective observational study E.Pucci   1, F. Solinas  2 , C. Mostardini  3 , M. Loiero 4 , D. Soragna  5 , R. Niego 6 , R. Galante 7

Leggi tutto

Cancro al seno: rischio di recidive anche dopo 20 anni dalla prima diagnosi.

 Una metanalisi internazionale condotta su circa 63mila pazienti dimostra che il rischio di recidiva è del 41% nelle donne a più alto rischio (tipicamente quelle con un tumore di diametro più elevato e con multiple metastasi linfonodali alla diagnosi) nell’arco di 20 anni dalla diagnosi. In questa categoria di pazienti, andrebbe valutato il prolungamento della terapia ormonale fino a 10 anni, discutendone con la paziente rischi e benefici. L'oncologo Pierfranco Conte: "Smentita credenza diffusa che dopo cinque anni non vi sia più rischio"

Leggi tutto

Tumori: l’idea sbagliata che dipendano dalla sfortuna

 Bert Vogelstein, scienziato autorevole — che ha avuto un ruolo straordinario nella comprensione dei meccanismi molecolari genetici che causano il cancro — ha pubblicato due anni fa uno studio provocatorio su Science : utilizzando complesse analisi ...

Leggi tutto

Tumore al seno, mangiare soia può allungare la vita alle pazienti

 Mangiare soia non è nocivo per le donne con un tumore al seno. Al contrario, potrebbe persino avere un effetto protettivo nei confronti della malattia. A dimostrare la sicurezza dei prodotti a base di questo legume è uno 

Leggi tutto

L’ALIMENTAZIONE DURANTE LA CHEMIOTERAPIA

La parola chemioterapia- incute un certo disagio, perché evoca sofferenze, nausee, paure, bruciori in bocca, allo stomaco, disturbi intestinali, una fatica profonda, e brutti pensieri. Eppure quando s’ha da fare s’ha da fare; fino a quando la ricerca non riuscirà a trovare cure capaci di guarire il tumore senza danneggiare gli organi sani. Perché proprio qui sta il punto, i veleni della ‘chemioterapia’ ...

Leggi tutto

Uno studio dimostra l'efficacia di OPERA nelle polineuropatie

Observational study to assess the efficacy of “Opera” in reducing polyneuropatic symptoms E.Pucci (1) , S.Cristina (1), G. Scarì (2) , R. Galante ( 3 ) (1) Department of Brain and Behavior Sciences, University of Pavia. IRCCS “C. Mondino” Pavia. (2 ) Department of Biosciences, University of Milan (3) GamFarma Srl. Milan. ABSTRACT Aims Polyneuropathy is a very disabling disease of the peripheral nerves but there are few effective treatments often associated with side effects such as dizziness and drowsiness that can worsen the quality of life of patients. The antioxidant alpha-lipoic acid has proven useful in reducing pain . The aim of this study is to demonstrate benefits, safety and ...

Leggi tutto

Uno studio dimostra l'efficacia di OPERA nelle polineuropatie

COMUNICAZIONE ORALE: Efficacy and tolerability of “Opera” in reducing polyneuropathy symptoms Zarcone D. (1), Corbetta S. (1), Raimondi E. (1), Galante R. (2), Cristina S. (3), Pucci E. (3) (1) U.O. Neurologia, Ospedale “S. Antonio Abate” Gallarate, ASST Valle Olona (2) GamFarma Srl, Milano (3) Department of Brain and Behavioral Sciences, Università di Pavia. IRCCS “C. Mondino” Pavia Background Polyneuropathy is a very disabling disease, but there are few effective treatments, often associated with side effects. Alpha-lipoic acid has proven useful in reducing pain. The aim of this study is to demonstrate benefits, safety and tolerability of Opera, a nutritional supplement with alpha-lipoic acid, Boswellia serrata, methylsulfonylmethane and ...

Leggi tutto

CANCRO DELLA PELLE. DERMATOLOGI AMERICANI LANCIANO ALLARME SU UNA POMATA 'FAI DA TE'

Quando si sospetta un cancro della pelle o, peggio, quando il tumore è stato diagnosticato, il buon senso impone di rivolgersi al dermatologo e al chirurgo. Invece, a quanto pare, molte persone preferiscono il “fai da te', utilizzando tra gli innumerevoli e ingannevoli prodotti in commercio. Tra queste, una pomata chiamata black salve (unguento nero), che è pure inserita dalla Food and Drug Administration statunitense in una lista di sostanze da evitare. Ad affermarlo è un gruppo di ricercatori della Utah University a Salt Lake City, che hanno parlato con 340 adulti in cura presso ...

Leggi tutto

TUMORE AL SENO. LE STORIE DELLE CELEBRITÀ CONDIZIONANO (IN PEGGIO) LE SCELTE DELLE DONNE

 Dopo che una persona popolare si sottopone a mastectomia bilaterale, “questa scelta terapeutica non solo viene menzionata di più nella storia, ma in molti casi diventa l’argomento principale del pezzo”, sostiene Michael Sabel della University of Michigan Health Sistem di Ann Arbor, autore principale dello studio. Sempre più donne colpite da tumore alla mammella stanno scegliendo di rimuovere entrambi i seni contemporaneamente, ma non ci sono evidenze che dimostrino che la pratica migliori la sopravvivenza in donne senza rischio genetico ...

Leggi tutto

Tumori neuroendocrini rari Come (e in quali centri) si curano

Mio padre ha 70 anni e fino alla scorsa estate stava benissimo. Poi ha manifestato i primi fastidi: a volte aveva crampi alla pancia e scariche di dissenteria e diventava improvvisamente rosso paonazzo. Dopo oltre tre mesi di esami e visite per capire che cosa avesse, gli è stato diagnosticato un tumore neuroendocrino all’intestino e gli è stato detto che era inoperabile a causa della presenza di metastasi al fegato. Abbiamo scoperto su internet che è una malattia molto rara e siamo preoccupati poiché non ci è stato dato un riferimento specifico. Siamo disorientati, trovare informazioni è difficile, che cosa dobbiamo fare? Risponde Nicola Fazio, ...

Leggi tutto

Uno studio non conferma l'efficacia di pregabalin nel dolore cancro correlato

Randomized Double-Blind Trial of Pregabalin Versus Placebo in Conjunction With Palliative Radiotherapy for Cancer-Induced Bone Pain. Fallon M1, Hoskin PJ2, Colvin LA2, Fleetwood-Walker SM2, Adamson D2, Byrne A2, Murray GD2, Laird BJ2. Abstract PURPOSE: Cancer-induced bone pain (CIBP) affects one third of patients with cancer. Radiotherapy remains the gold-standard treatment; however, laboratory and clinical work suggest that pregabalin may be useful in treating CIBP. The aim of this study was to examine pregabalin in patients with CIBP receiving radiotherapy. PATIENTS AND METHODS: A multicenter, double-blind randomized trial of pregabalin versus placebo was conducted. Eligible patients were age ¡Ý 18 years, had radiologically ...

Leggi tutto

Preservare la fertilità dopo il cancro al seno è possibile

Il tumore al seno, si sa, è la neoplasia più frequente nelle donne, ma fortunatamente la mortalità è in calo e le guarigioni sfiorano il 90 per cento. Sebbene nella stragrande maggioranza dei casi la malattia colpisca dopo i 50 anni i casi sono in continuo aumento (in Italia sono 48mila le nuove diagnosi ogni anno), l’incidenza nelle 30-40enni è in crescita e sono circa 3mila le italiane che ogni anno vanno incontro a una diagnosi di cancro al seno prima dei 40 anni. Non di rado, però, la qualità di vita delle pazienti viene compromessa dalla perdita della funzione ovarica causata dalla chemioterapia ...

Leggi tutto

ORASOL PLUS si dimostra attivo nelle mucositi da radioterapia

Nutr Cancer. 

Leggi tutto

Dixentil è utile nella prevenzione delle diarree da radio e chemioterapia

Positivi risultati sono stati ottenuti con Dixentil (Gamfarma srl, Milano, Italy)  nella prevenzione della diarrea indotta da radioterapia ( e chemioterapia). Gli autori concludono che è il primo lavoro  che ha valutato un  "integratore" nella prevenzione delle diarree da radioterapia ottenedo ottimi risultati quali: - dimezzamento dell'incidenza della diarrea rispetto ai dati della letteratura - nessuna diarrea " grave " ( gradi III e IV) - ritardo della comparsa della diarrea - efficacia anche in pazienti trattati con chemio e radio ...

Leggi tutto

"Oral Lapacho based medication: an easy, safe and feasible support to prevent and/or reduce oral mucositis during Radiotherapy for Head and Neck cancer"

ABSTRACT

Leggi tutto

Cancro. I pazienti giovani più propensi a terapie alternative

- I pazienti under 65 che hanno ricevuto diagnosi di cancro sono maggiormente disposti, rispetto ai più anziani, a sottoporsi a terapie alternative o complementari per alleviare sintomi ed effetti collaterali secondari ai trattamenti anticancro. Il motivo di questa apertura dei più giovani verso nuovi percorsi di cura? "In parte è imputabile ai grandi cambiamenti sociali che hanno preso piede negli USA a partire dagli anni 60-70 e alla diffusione di stili di vita alternativi, ...

Leggi tutto

Cancro al seno. Più monitoraggio cardiaco per le pazienti che assumono trastuzumab

(Reuters Health) – Le pazienti che assumono trastuzumab come terapie adiuvante per il cancro al seno necessitano di monitoraggio cardiaco, anche ...

Leggi tutto

Cancro, anche le terapie complementari possono allungare la vita

Molti pazienti colpiti da un cancro fanno ricorso a una qualche forma di medicina complementare e alternativa, tipicamente con l'obiettivo di alleviare il dolore e controllare gli effetti negativi della malattia o del trattamento. Lo evidenzia una review pubblicata di recente su Current Oncology Reports. Il lavoro, che raccoglie evidenze tratte da studi sperimentali ed epidemiologici, nonch&...

Leggi tutto

Pazienti in chemioterapia, poco dialogo coi medici sull'uso di erbe e integratori

Un'ampia percentuale di pazienti affetti da un cancro ricorre alla medicina complementare e alternativa (Cam) - inclusi erbe e integratori - durante il trattamento antineoplastico. Eppure, meno della metà degli oncologi statunitensi afferma di avere iniziato un discorso su questi prodotti con l'assistito. Lo rivela un'indagine - condotta da un gruppo di ricercatori guidati da Richard T. Lee, direttore medico del Programma di medicina integrata all'Università del Texas, a Houston - che evidenzia inoltre come due terzi degli intervistati (un campione casuale di 1.000 aderenti all'American ...

Leggi tutto

Avere un figlio dopo un tumore al seno? Ora si può

La notizia è stata inclusa dall’Associazione americana di oncologia  fra le maggiori novità del 2015 nella cura ai tumori, è frutto della ricerca italiana ed è destinata a ...

Leggi tutto

Cancro e sfortuna: «Science» fa marcia indietro

Ai fatalisti non piacerà, a fumatori e altri amanti dei vizi nemmeno, ma il dietrofront ormai è cosa fatta. Non è vero che i due terzi dei tumori sono causati dalla sfortuna, anziché dai cattivi geni che abbiamo ereditato o da stili di vita sbagliati. All’inizio dell’anno la notizia era arrivata sulle prime pagine dei giornali di tutto il mondo, a seguito della 

Leggi tutto

Orasol Plus consente di ridurre l'incidenza e la gravità della mucosite orale in pazienti H&N

ABSTRACT

Leggi tutto

Lo zenzero aiuta la funzionalità digestiva

Uno studio clinico ha valutato l'effetto di un estratto di zenzero sulla funzionalità motoria dello stomaco, sullo svuotamento gastrico, sulla motilità della parte antrale dello stomaco, sul volume dello stomaco e sui sintomi legati a un pasto molto abbondante come pesantezza di stomaco, senso di gonfiore, sonnolenza ed eruttazioni.

Leggi tutto